ITRI - L'ISTITUTO PROFESSIONALE AGRO AMBIENTALE SERVIZI PER L'AGRICOLTURA E LO SVILUPPO RURALE: OFFERTA FORMATIVA VALIDA PER GLI STUDI E L’OCCUPAZIONE
Scritto da redazione web il January 09 2021 22:30:15
Iscrizione alle scuole superiori

News Estesa


ITRI - L'istituto Professionale Agro Ambientale Servizi per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale - Codice istituto scuola LTRA020005

Gennaio (entro il giorno 25), tempo di iscrizione alle scuole superiori dopo la frequenza del triennio delle scuole medie. Come il canto delle novelle sirene la campagna “acquisti” di tutte le scuole lancia i suoi proclami per cercare di “catturare” quanti più novizi possibili in un comprensibile sforzo di crescita numerica dell’organico discente.

A Itri, seppure in sordina, c’è la possibilità di intraprendere, dopo la terza media, un corso di formazione scolastica che, tra l’invidia e i ripetuti tentativi messi in atto da altri comuni per ottenere il trasferimento della scuola presso di loro, rappresenta un’ottima scelta sia per il tipo di preparazione che fornisce agli alunni, in un momento in cui, in tutto il mondo, si guarda all’agricoltura moderna come lo strumento per raddrizzare l’economia di tanti Paesi, sia per la possibilità che hanno gli studenti, al termine del quinquennio, di potersi iscrivere a corsi di laurea, tra i quali spicca quello sempre più frequentato della facoltà di Agraria. Pioniere della mirabile espansione territoriale dell’istituto professionale per l’agricoltura di Borgo Piave che, alla fine degli anni Cinquanta, vide sorgere, oltre che  a Borgo Piave la sede centrale, con il nome di “San Benedetto”, quello di Itri, corredato da un supporto rurale più che prezioso per le lezioni pratiche, rappresentò l’anello di quella catena che vide fiorire simili scuole a Priverno, Frosinone, Cassino, Sora e, addirittura, nel centro urbano di Latina in via Fratelli Bandiera, a due passi dal Corso. Nel tempo, più volte qualche comune limitrofo ha cercato di portare via dal nostro paese questo istituto ma, da un ventennio, la sua operatività ha ripreso vigore e, soprattutto, valenza formativa, come recitano i ripetuti report sulla sua efficienza preparatoria, oltre che sul numero delle iscrizioni in crescente ascesa.

Oltretutto, in una società dove l’agricoltura non arruola più zappatori a mano ma pretende, se vuole competere in campo europeo e mondiale, tecnici specifici nel settore, l’Agrario si propone come un ottimo percorso propedeutico a una sistemazione professionale più che decente nel settore per via delle molteplici specializzazioni che fornisce al termine del quinquennio. Se poi aggiungiamo che, a pochi chilometri, opera, a Fondi, quello che è stato il più grande mercato ortofrutticolo d’Europa, si capirà bene quale altro importante sbocco lavorativo si presenta a quanti mettono in atto l’illuminata decisione di iscriversi all’Istituto Agrario che, in tempi nemmeno tanto remoti, ha visto qualche suo alunno giungere persino all’ordinazione sacerdotale e condurre una ammirevole azione pastorale per la comunità locale e per i Paesi più poveri che hanno avuto dalla sua azione una più che encomiabile spinta alla crescita del tenore di vita e della valenza sociale. Ecco, quindi, alcuni dei motivi fondanti per l’iscrizione a un corso di studi che molti comuni limitrofi ci invidiano e che vorrebbero diventasse patrimonio del loro territorio.

Orazio Ruggieri

Images: Agrario.jpg

 Images: agrario (2).jpg