LA "LICENZA" AMBULANTE DI MIO NONNO, DEL 1935 - GLI AMBULANTI NON MORIRANNO MAI!
Scritto da redazione web il December 07 2019 20:12:05
...per non dimenticare

News Estesa

LA "LICENZA" AMBULANTE DI MIO NONNO, DEL 1935

Images: Licenza.jpg

 

Sapevo già che la mamma di mio padre, Celeste, era una fruttivendola che sbarcava il lunario dopo la guerra vendendo, con un carrettino, nei Comuni della bassa Ciociaria e nei dintorni di Fondi.

Ma non ero a conoscenza del fatto che anche suo marito, Giovanni - noto a Lenola per essere stato un valente fabbro  - avesse svolto anche lui la attività di AMBULANTE.

Ecco la "LICENZA" che abbiamo trovato nei giorni scorsi tra le carte di mio papà.

Pensate un po', gli fu rilasciata dal Podestà di Lenola (ex Provincia di LITTORIA ora Provincia di LATINA), il 14 febbraio del 1935.

Ve la mostro come un cimelio storico e con la stessa emozione con la quale l'ho vista la prima volta quando me l'ha fatta vedere mio figlio Mathieu.

Possiamo solo immaginare quanto era duro e faticoso fare L'AMBULANTE in quegli anni terribili, nei tempi in cui l'Italia era una nazione povera, arretrata, dove l"analfabetismo dilagava, le donne non avevano diritto di voto e dove la gente si arrangiava come poteva per vivere e crescere i figli, purtroppo numerosi.

E la fame e la povertà era smisurata, soprattutto nel Mezzogiorno.

Eppure, nonostante tutte le avversità, i nostri nonni, i padri dei nostri padri, ce l'hanno fatta.

Hanno attraversato la Dittatura, la Guerra, i Bombardamenti. 

Hanno sofferto e patito la fame.

Le donne hanno subito persino le violenze fisiche dei nazisti prima e dei marocchini poi.

Ricordo queste cose per non dimenticare e per rendermi conto che nonostante tutto il mestiere dell'ambulante non finirà mai.

E noi, pensando a questi pionieri che giravano l'Italia in groppa agli asini e ai muli, sopra a carretti di legno nei quali si riparavano dalla pioggia e dal freddo, non possiamo che essere grati perché è grazie a loro che noi siamo qui, oggi, possiamo raccontare le loro umili storie di vita e dire che gli ambulanti non moriranno mai.

Il Segretario Nazionale ANA

Marrigo ROSATO

Images: il podestà.jpg