Tabelle alcol inapplicabili-nota FIPE
Scritto da redazione web il September 12 2008 23:47:16
FIPE CONFCOMMERCIO:
TABELLE ALCOL INAPPLICABILI E FUORVIANTI

News Estesa
“La troppa genericità e la troppa sommarietà delle indicazioni contenute sulle tabelle per i tassi alcolemici le rendono inapplicabili. Per questo Lino Enrico Stoppani Presidente della Fipe nazionale ha già scritto al ministero del Lavoro, della Salute e della Politiche Sociali, chiedendo l’immediata sospensione del provvedimento o almeno una  proroga di 60 giorni della sua entrata in vigore”.
 
Di Cocco Italo, presidente di Fipe provinciale, commenta così il decreto con cui si impone ai locali che effettuano intrattenimento di esporre entro il 23 settembre una cartellonistica che indica le quantità di alcol per non superare il limite massimo consentito e descrive i sintomi da intossicazione.

Secondo Fipe la cartellonistica è inadeguata, sia perché è estremamente difficoltoso produrre cartelli rispondenti alla caratteristiche previste dal decreto, quali la composizione con caratteri di immediata e facile leggibilità, poiché la tabella per essere leggibile dovrebbe essere riprodotta su poster di grandi dimensioni da collocare all’entrata, all’interno e all’uscita del locale, sia perché non riesce a fornire informazioni attendibili ai consumatori. Per esempio nei casi in cui la birra viene servita alla spina (casistica non riportata sulle tabelle) diventa estremamente difficile fare un rapido calcolo sulla quantità e sulla gradazione alcolica ingerite. Lo stesso dicasi per i cocktail, la cui percentuale di superalcolico è variabile e quindi difficilmente calcolabile dal consumatore.
 
“Esiste un altro problema che non è da poco – conclude Di Cocco – perché la scadenza immediata con cui si impone ai locali l’esposizione dei cartelli non tiene in considerazione dei tempi per la stampa e la distribuzione, quindi molti locali potrebbero trovarsi, loro malgrado, ad incappare nella sanzione sproporzionata della chiusura da sette a trenta giorni”.